Article

I mille valori della realtà aumentata a Scuola

A conclusione del Corso “Fare didattica con la realtà aumentata” promosso da AICA con la collaborazione dell’Associazione EPICT [Formatrice Federica Tamburini e Certificatrice Angela Maria Sugliano], si è svolta nel giorni scorsi la sessione di Certificazione. I corsisti hanno sperimentato un buon numero di applicazioni per realizzare prodotti ipermediali e di realtà aumentata e l’hanno anche già sperimentata nelle loro classi.

Il risultato?  Eccolo con le loro parole.

La realtà aumentata a Scuola riesce a “rompere” i confini della conoscenza e le normali – annoiate – dinamiche della classe: le immagini si animano quando inquadrate dai dispositivi e creano un incredibile effetto motivante negli studenti. Con l’obiettivo di realizzare un prodotto di realtà aumentata, gli studenti diventano disciplinati e organizzati: non c’è bisogno di ripetere le consegne, i ragazzi si mettono subito al lavoro dividendosi compiti e aiutandosi vicendevolmente. Il focus su quanto fanno smorza le tensioni interpersonali. Sapendo che il duro lavoro di ricerca, di approfondimento, di realizzazione di piccoli compiti avrà come risultato un prodotto aumentato, gli studenti accettano la fatica dello studio volentieri.

I prodotti di realtà aumentata spingono immediatamente alla condivisione: con le famiglie, con gli amici, con partner del territorio che affascinati trovano modalità nuove di collaborare con la Scuola.

Criticità? La complessità e l’articolazione dell’azione didattica, deve essere attentamente gestita dal docente; il possibile scemare dell’interesse dopo il primo “effetto wow” viene evitato con l’attenta progettazione del docente che guida passo dopo passo gli studenti a non perdere la concentrazione e a raggiungere gli obiettivi. In una parola, la capacità che acquisiscono i docenti che frequentano un corso EPICT di progettare solidi lesson plan, è il migliore antidoto al fallimento delle attiità didattiche.

 Complimenti a tutti i nuovi Certificati EPICT e… buon lavoro!