Learning resource

Riforma e controriforma

Il web 2.0 costituisce un approccio filosofico alla rete che ne connota la dimensione sociale, la nascita di una cultura partecipativa sulla rete, la condivisione, l'autorialità rispetto alla mera fruizione. Il ruolo dell’utente in questo senso diventa centrale, esce dalla passività che lo contraddiceva nel Web 1.0 per diventare protagonista tramite la creazione, modifica e condivisione di contenuti multimediali a propria scelta. Il web 2.0 poggia quindi su tre pilastri: interazione, condivisione e partecipazione. L'argomento scelto riguarda la Riforma protestante e i suoi sviluppi e sarà affrontato nella classe seconda di una scuola media inferiore.
Gli alunni, dopo un’introduzione al periodo storico da parte dell’insegnante di Lettere, si occuperanno dell’approfondimento di tematiche specifiche lavorando in piccoli gruppi. L’insegnante, quindi, offrirà una panoramica dell’argomento, mentre gli alunni, in un ottica di costruttivismo sociale, svilupperanno il sotto-argomento assegnato lavorando sia in presenza in classe, sia a distanza da casa. I gruppi di lavoro saranno i seguenti: luterani, anglicani, calvinisti, puritani, controriformisti. Ogni gruppo lavorerà su un documento condiviso, che oltre ai contenuti, comprenderà una piccola sceneggiatura. Alla fine del percorso, infatti, è prevista una drammatizzazione, per cui il gruppo dei calvinisti, ad esempio, avrà un suo portavoce con il ruolo di Calvino, che sarà sostenuto dai suoi seguaci, cioè gli altri partecipanti. 

Nome del Corso EPICT: 

SkillOnLine-IV-2016

Data: 

Novembre, 2016

Modulo EPICT di Riferimento [solo nel caso di Lesson Plan]: 

Autori : 

Gruppo Tablet
Accurso Carmela Maria
Coppa Sonia
Scafuro Maria

Tipologia della risorsa : 

Lingua: 

Metodologia Didattica: 

Altra Metodologia didattica: 

Costruttivismo sociale

Software Utilizzato: 

Dispositivi mobili
tablet
LIM
Google drive
mappe concettuali
Google Documenti

Discipline Coinvolte: